Senza titolo 10

BIBLIOTECA DELLA DONNA Incontro - dibattito con studenti, madri e padri, operatori e operatrici della scuola

27 Ottobre 1986

«La libertà di coscienza è una utopia?». A questo attuale interrogativo la Biblioteca della donna ha dedicato l’intero pomeriggio di ieri, soffermandosi sul problema dell’aborto, sulle manovre politiche che si celano dietro la proiezione nelle scuole del video “The silent scream” e sull’ora di religione. Un pomeriggio, quello organizzato al Quarto di Santa Giusta, che ha visto intervenire la giornalista Lidia Menapace ed il pastore valdese di Vasto Gianna Sciclone, oltre a molti studenti, genitori, operatori della scuola e insegnanti di religione. Assente giustificata (impegnata nel convegno a Rocca di Papa “Donne e handicap”), la senatrice Elena Marinucci che comunque non ha rinunciato ad esprimere il proprio parere sugli ultimi allarmanti episodi.  «Mi complimento con voi ha affermato la Marinucci nella lettera inviata e letta pubblicamente da Donatella Tellini per aver saputo fronteggiare questa vergognosa operazione (il film sull’aborto) del movimento per la vita, alias Armata bianca… una operazione studiata e programmata per la quale rivolgerò un’interrogazione al Governo nel tentativo di evitare la divulgazione di un filmato già interdetto da varie sentenze». Diversi i pareri sulla pratica dell’aborto e sull’ora di religione, a proposito della quale molti docenti hanno confessato di aver optato per l’insegnamento, esclusivamente per «neutralizzare il catechismo dei preti».

Senza titolo 9
Senza titolo 11
Senza titolo 2

IL MITO E LA LUNA Mostra d'arte di Gabriella Celaia

14 Giugno - 15 Luglio 1986

L’associazione Culturale “Quarto di Santa Giusta”, con la mostra di Gabriella Celaia, intende continuare la propria attività passando dallo spazio chiuso della galleria allo spazio aperto della città. Si cerca cioè di dare inizio ad una serie di attività artistico culturali che stabiliscano un rapporto dialettico e dinamico con le qualità formali del centro storico; una sorta di riconciliazione tra arte e città. Crediamo sia opportuno valorizzare l’architettura della nostra città per concepirla come un grande museo aperto, un contenitore di esperienze interdisciplinari per restituirle, al di là delle mortificazioni a cui spesso è sottoposta, il prestigio culturale che merita e renderla recettiva alle esperienze dell’arte contemporanea. Occorre collegare la qualità degli antichi manufatti (cortili, piazze, palazzi) alla ricerca artistica in modo da promuovere un’attenzione ed una coscienza critica dei cittadini a ciò che loro appartiene. Bisogna sottrarre alla solitudine i nostri monumenti per poterli valorizzare e reinserire in progetti di attiva funzione. Si tratta in altre parole di promuovere una fruizione attiva della città, uno scambio di esperienze che inglobi l’architettura del centro storico alla sperimentazione dell’arte. L’inaugurazione di questa mostra avverrà infatti nello splendido cortile di Palazzo Carli Benedetti (sec.XV) in Via Accursio, per poi continuare, nei giorni successivi, nei locali dell’associazione in Via Crispomonti. Gabriella Celaia, nata a L’Aquila, si è diplomata all’Istituto Statale D’Arte. Gli oggetti esposti rappresentano la sua produzione più recente: si tratta di tre serie di gioielli, di cui una ispirata alla mitologia greca (chiusure per collane, spille a ciondoli raffiguranti Zeus, Vulcano, Giano Bifronte); un’altra rappresenta animali della giugla (pantere, giaguari, tigri, serpenti, pappagalli); l’ultima ispirata al cielo (la luna a la cometa di Haley). Tutte le opere in mostra sono realizzate  con tecniche di lavorazione artigianale tradizionale: la cera persa e lo sbalzo. La cera persa è sicuramente la tecnica più antica di lavorazione dell’oro (risale infatti alla cultura Azteca) e lo sbalzo appartiene per tradizione alla produzione regionale della lavorazione dei metalli. Ne sono esempio i gioielli di Pescocostanzo a Scanno ed anche tutta la produzione di antichi oggetti sacri, come quelli di Nicola da Guardiagrele, per non citare tutta la produzione artigianale del rame. Gabriella Celaia si inserisce dunque in una tradizione regionale pur proponendo oggetti di gusto squisitamente moderno. Durante la mostra ci saranno due intervalli musicali eseguiti da Cecilia Silveri e Simona Botta della Scuola d’Archi dell’Ist. Sinfonica Abruzzese.

alternative05

ALTERNATIVE ATTUALI Rassegna di pittura

20 Maggio 1986

UN VOLTO per Alternative Attuali. La prestigiosa rassegna di pittura che ebbe un ruolo di fondamentale importanza nel panorama culturale degli anni Sessanta, riscoperta da un paio d’ anni, tarda a decollare, oltre che per problemi di carattere finanziario, anche per una sorta di crisi di identità alla base dell’organizzazione. Se ne è parlato, presso l’ Associazione culturale “Quarto di S. Giusta”, in un incontro a cui hanno partecipato il sindaco, il presidente della Provincia, il sovrintendente, rappresentanti delle forze politiche locali, artisti e critici. Al vaglio passato, presente e futuro, in una girandola di opinioni e di idee che, all’ atto pratico, finivano per confluire nelle «trincee» di due schieramenti contrapposti. Alla base delle discussioni innanzitutto il senso da dare alla manifestazione, il problema, eventualmente, di identificarla con un nuovo nome e, soprattutto, di aprirla, anche a livello di organizzazione, a forze culturali nuove in rappresentanza di tendenze emergenti. Da un lato, quindi, una bozza di programma sostanzialmente già stilata dall’organizzatore di sempre, Crispolti, in collaborazione con il presidente dell’EPT Tomassi, in cui si prevede, nel riannodare il discorso agli anni Sessanta, una prosecuzione del discorso iniziato allora, rigorosamente svincolato dalla critica di mercato. Dall’altra parte la necessità di aprirsi alle nuove tendenze e alle realtà che si vanno affermando evitando la cristallizzazione di un passato ormai morto.
Dal punto di vista dei finanziamenti dopo un primo intervento della Regione di 50 milioni di lire se ne attende a breve un secondo sempre dello stesso Ente, di 40 milioni. Le due somme vanno unite a quanto messo a disposizione dall’EPT. Sul fronte del Comune una disponibilità formale, unita alla volontà di non rischiare da soli (si è parlato di uno sponsor privato) e alla necessità di un certo “consenso popolare”.

Senza titolo 3

IL TEMPO È SULLA PELLE Mostra d'arte di Armando Gioia

10 Marzo 1986

La scelta del Centro Multimediale “Quarto di Santa Giusta” di esporre le opere di Armando Gioia, alla sua prima personale, segue una Iinea divulgativa che da tempo la struttura espositiva su indicata si era prefissa, e cioè seguire il lavoro espressivo delle giovani generazioni. Questa particolare produzione oggi è concentrata nell’ambito di una situazione culturale cittadina in difficoltà con il “nuovo” contemporaneo e vittima di conservatorismi molteplici in gran parte nella rinata identità produttiva dell’Accademia aquilana che cerca di garantire, attraverso le sue mille difficoltà piu che storiche, una necessaria strutturazione linguistica, possibilmente solida, alle espressioni che in essa si manifestano. L’attenzione riposta verso questo dettato primario sia dall’istituzione pubblica (Accademia) che dall’istituzione privata (galleria) dispone noi successivamente -la critica e la storiografia preposta- “docilmente” sul versante di una informazione che rivendica sempre più una caratteristica del tempi: peculiarità e necessità della testimonianza. II risultato più vero che si tocca, sostanziale direi, circoscrive, dimensiona realtà espressive in “formazione”. Poetiche dell’immagine che ricorrono all’utilizzo, anche in modo indiscriminato, dei molteplici sistemi linguistico/formali messi a loro disposizione dall’interezza della storia dell’arte didatticamente appresa e assorbita ed iconicamente rielaborata. In breve, a operare e strutturare una forma di denuncia che non sviluppi e concretizzi una dimensione solo “conclusiva” ma che invece pratichi quello che comunemente oggi viene inteso come “nomadismo” linguistico che è forma “espansiva” con un gradiente entropico molto elevato. Le opere di Armando Gioia sono “sintomi” visivi, poichè non potrebbero non essere tali di questa nuova dinamica che attraversa il sistema dell’arte. II suo è un procedere attraverso le diverse valutazioni di stile, dove anche la tecnica della pittura ad olio, riversata su una diversità di supporti (masonite, tela, carta), tende a modificare all’interno del genere praticato, la pittura , il suo indirizzo finale che, ad esempio, può essere il suo riscoprire le tentazioni più libere dell’illustrazione. Infatti, la tecnica a cui sottopone l’olio è discorsiva; essa è “indifferente”, se cosi possiamo dire, a dimensionare le sue caratteristiche più storiche relative a materialità e a luminosità. Questa pittura ad olio abbandona la sua identità di sostanza per risolvere la necessità del “disegnato” a quest’ultimo, infine, essere trama ad una “narrazione” mai negata o interrotta. In questi dipinti o, per una migliore definizione, “dispositivi” vi è il caparbio tentativo di non considerare le “gabbie” formali delle avanguardie e quelle successive delle neoavanguardie le quali avevano cristallizzato I’unità di senso e istituzionalizzato la vanificazione del suo fondamento ma, altresì, a considerare i loro assunti iconici come sistemi particolari di una grammatica ancora da costruire e giocare sul piano del possibile “nuovo” senso. Se in tal modo il dispositivo di scrittura e narrazione viene riattivato – significativo in questo caso menzionare un dipinto particolare dell’artista che porta un’intestazione indiretta ma esplicativa “II tempo è sulla pelle” – si ripristina e si moltiplica anche il dispositivo di lettura.

Rolando Alfonso

Senza nome

NERO PARADISO Mostra personale di Lea Contestabile

14 Dicembre 1985

Nero Paradiso: mostra d’arte contemporanea.

Presentazione di R. Alfonso

 

“ La follia è l’assenza d’opera”

M.FOUCAULT

 

L’operazione di riferimento che può, successivamente, coniugarsi in una attribuzione di parentela genealogia rassicurante e conclusiva che, il più delle volte, risolve nel corteggiamento dello stile il troppo ovvio tecnico di lettura è la caratteristica che decide in primis, quasi a configurare la natura vera di un pregiudizio, la lettura di qualsiasi manufatto umano. Da questo iniziale aggiustamento ottico dipenderà il suo valore anzi, per meglio dire, quest’ultimo si costruirà, si dimensionerà. Gli ultimi lavori di Lea Contestabile non sfuggono a tale procedura e osservando con rispetto il portato di una tradizione a loro propria che è storia individuale, scrittura, messa in opera del soggetto che li determina individuano ed indicano con determinazione i due punti di riferimento le due “icone” differenziate nella propria origine di una storia dell’immagine. Giardini visivi che sperimetano la loro “necessità” nell’attuale.

La prima di esse, ancestrale e prefigurazione del riferimento prima della Storia, è il “cielo”. Generate traduzione ottico/spaziale, per eccellenza, del pensiero/sguardo che è portato dinamicamente a deliziarsi o a peccare nella trascendenza. La seconda è il “monocromo” delle avanguardie storiche (Malevic, Rodtchenko). ll portato della figurazione “ultimata” e “disperata”, declinazione ossessiva della congenita trascendenza nella sua “mondanizzazione”. Questi due nodi/immagini epocali sono assunti, accettati, come accadimenti “compiuti”, risolti sulla grafia della loro storicità. Presenze continue che delimitano il “luogo” di una scrittura dell’umano che è simultaneamente “cancellazione”, sottrazione, riduzione ai minimi termini di una struttura che è portata facilmente a trascendere. Il risultato ottenuto è la risposta attenta, allarmata, il “codice” di una scrittura che è perpetuamente minacciata dall’ideologia degli estremi.

 

Alfonso Rolando