banner orizzontale colapietra

VIVE RAFFAELE COLAPIETRA

Venerdì 31 maggio 2024 alle ore 17.00 presso la sede del Museo MU.SP.A.C. si terrà un incontro per ricordare, a un anno dalla sua scomparsa, Raffaele Colapietra, uno fra i maggiori storici italiani.

L’invito è rivolto a enti, istituzioni, organi d’informazione, associazioni, amici e liberi cittadini che vorranno partecipare, anche con un loro intervento.

Per l’occasione verrà proiettato il video di una delle sue numerose e celebri conferenze, tenute presso l’Associazione Culturale “Quarto di Santa Giusta” nel 1986, dal titolo Dalle acque della Rivera al mercato della Piazza: il “Quarto di San Giovanni di Lucoli (San Marciano).

Saranno ancora disponibili i sette fascicoli di ARTE CITTA’ riguardanti la “Forma urbana dell’Aquila dal Medioevo al ‘700”, edizioni muspac.

Per stabilire una relazione con quanto viene già ampiamente svolto dalle numerose e qualificate istituzioni culturali cittadine, saranno esposti numerosi libri, foto, documenti e video riguardanti l’illustre storico aquilano, conservati presso la multimediateca del Museo.

Seguendo l’insegnamento e gli studi del professore, si cercherà di dare un contributo per il risveglio di quella “Spiritualità, coscienza civile e mentalità collettiva nella storia dell’Aquila” (titolo di una sua famosa opera – monografie della Deputazione Abruzzese di Storia Patria) da tenere in considerazione per poter affrontare in maniera opportuna le diverse fasi della ricostruzione.

In tal senso risulta doveroso citare l’introduzione ad un altro suo importante volume Una lunga storia d’amore: pagine scelte di storia Aquilana, CARSA, Pescara 2011 (presentato al MU.SP.A.C. l’8 settembre 2017), in cui si può rilevare il carattere distintivo di un grande intellettuale che con spirito critico, impegno civile e grande amore per la sua città, non ha mai accettato compromessi:

Ho cercato insomma di presentarmi al pubblico forestiero e dei miei concittadini col medesimo realismo col quale ho guardato in faccia il terremoto, i nervi a posto, la testa sulle spalle, il senso della realtà, delle proporzioni, il rispetto della verità.
Sa Iddio, so io, quante e quali emozioni si celino dietro questa strenua fedeltà a un ideale di dignità per l’uomo, per il cittadino, per lo studioso, ma ho voluto ancora una volta farmi forza, essere me stesso, anche nella severità, nella crudeltà di questa scelta. Questo sono io, sono anche questo:
etsi omnes non ego.

Per proseguire le celebrazioni dei 40 anni di attività dell’Associazione, verranno organizzati in futuro altri incontri, per diffondere, conservare, tutelare e valorizzare le opere, gli studi e le ricerche anche di altri prestigiosi e autorevoli artisti, storici e studiosi che, come il prof. Raffaele Colapietra, hanno dato un enorme contributo per far conoscere, in ambito nazionale e internazionale, la storia dei Beni Culturali e Artistici della città dell’Aquila.

Per informazioni: 338 2374725

banner zael

Z.A.E.L. Zona Anarchica Ego Liberata World-Trip-Folk Duo

Giovedì 30 Maggio, alle ore 21,30 al MU.SP.A.C. Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea, si terrà la live performance di Z.A.E.L. zona anarchica ego liberata ~ World-Trip-Folk Duo con Davide Zanini e Elena D’Ascenzo.
L’appuntamento rientra all’interno di una serie di eventi culturali, organizzati con il patrocinio del Comune dell’Aquila, per celebrare i 40 anni di attività dell’Associazione Culturale Centro Multimediale “Quarto di Santa Giusta” e del Museo Sperimentale d’Arte Contemporanea dell’Aquila.

Z.A.E.L. zona anarchica ego liberata ~ World-Trip-Folk Duo
Brani di tradizione orale sintetizzati, composizioni originali senza Origine, ispirazioni anarchiche, ritmiche africane, melodie mediterranee e voci malinconicamente impertinenti e de-private.

Davide Zanini: percussioni, voce, sintetizzatore, tanpura
Elena D’Ascenzo: voce, sintetizzatore, chitarra, percussioni

Ingresso 10 euro

E’ gradita la prenotazione

Per informazioni e prenotazioni:
340 5544632 (calls, whatsapp)
349 6365670 (whatsapp)

Calpesta il paralitico_tributo Skiantos Comunità 24 luglio_2024

CALPESTA IL PARALITICO a cura della Comunità 24 luglio

Domenica 11 febbraio alle 18,30, a dieci anni dalla scomparsa del leggendario Freak Antoni, la Comunità 24 luglio, il collaborazione con il MU.SP.A.C., ha organizzato una serata dedicata agli SKIANTOS, il gruppo più ironico, dissacrante e irriverente della musica italiana, con StranaMente (insane tribute band).

LOCANDINA MUSPAC

TERZO SESSO. SOLDATO DEFIGENDER di e con Massimo Sconci

Venerdì 5 Gennaio 2024 alle 21,30 è stato presentato “Terzo Sesso – soldato Defigender”, il nuovo spettacolo dell’attore aquilano Massimo Sconci , prodotto dal MU.SP.A.C., dall’Associazione Culturale “Quarto di Santa Giusta” e dal Collettivo “Attori in Primo Piano”.

Regia, Drammaturgia e Interpretazione MASSIMO SCONCI
Aiuto Regia GAIA TINARELLI
Disegno Luci JOSE’ DE LA PAZ
Aiuto Tecnico: MIRKO TALLIUSSI

L’idea nasce dalla necessità di voler raccontare e descrivere sulla scena la società odierna, in chiave satirica e parodistica. Un mondo perennemente in guerra, non in grado di riconoscersi in una società fluida che non sia limitata da confini di genere e cultura.

Il gioco teatrale ha la consueta ironia dissacrante dell’Autore, mai propriamente incline a prendersi troppo sul serio, ma intento a voler trovare un significato profondo anche in superficie.

Le etichette che attacchiamo (ma non difendiamo) per nominare, indicare, definire il genere sessuale sono limitanti. Non lasciano spazio per un possibile Terzo Sesso, senza una natura propriamente maschile, che non escluda i gusti e le tendenze di un’altra categoria (non) femminile.

Stamìn fa sesso per amore, sbaglia continuamente senza imparare. Le false risposte le troverà seguendo il suo amante Stafèss in una caricaturale guerra di cui non conosce né il nome, né l’origine, né le pratiche.

Stamìn ha una storia individuale che appartiene a tante storie collettive, spesso invisibili. Personaggi ironici e leggeri, in una condizione umana che ha bisogno di esprimersi, per imprimersi, e continuare a far valere la propria identità anche nella sua crisi.

Terzo Sesso – Soldato Defigender è un percorso di spettacolo indipendente, che ci auguriamo vada a confluire in un nuovo modo di raccontare le differenze di genere. Per (ri)costruire una memoria collettiva attorno alla quale recuperare la forza di una comunità.

Riusciremo, prima o poi, a portare via Stamìn da questa orribile guerra. E non saranno né la paura né la violenza a riportarlo a casa. Sarà una nuova consapevolezza di sé. Una nuova bellezza, più grande di quanto si possa aspettare, e splendidamente pacifica.

—————————-

In apertura, prima dello spettacolo, per la prima volta in Abruzzo, è stata presentata la performance di Danza Contemporanea di Gaia Tinarelli “Filip e Josef”, con in scena Loredana Testone e Gaia Tinarelli.

La storia di due individui allo sbando che vivono alla giornata. Dei reietti nullatenenti, accomunati da un senso di inadeguatezza alla “normalità” del sistema.

Filip e Josef si aggrappano l’uno all’altro, trascinando precariamente le loro vite in modo goffo e a tratti comico, suscitando la compassione di chi li guarda. La loro è una relazione ambigua e indefinita, in cui si alternano momenti amichevoli e fraterni, bisticci capricciosi e infantili, ed intimi rimandi ad un amore acerbo e inesplorato.

Le emozioni che emergono dal loro vivere in simbiosi nascono per riempire il vuoto all’interno del cuore di chi non ha nulla, e che cerca disperatamente nell’altro ciò che serve all’animo per nutrirsi, sopravvivendo all’aridità di una vita nell’emarginazione.

alda-3

IO SONO ALDA MERINI Spettacolo a cura della Comunità 24 luglio

Il La Comunità 24 luglio ha presentato al MU.SP.A.C. “Io sono Alda Merini, sono nata il 21 a primavera…”, uno spettacolo nato dall’idea di Claudio Marchione che ne ha curato la drammaturgia e la regia, sulla vita e le opere di Alda Merini.
Un monologo intenso, poetico, visionario interpretato dall’attrice Tiziana Gioia con la partecipazione musicale della cantautrice Valeria Pucci.